logo san paolo
mercoledì 03 giugno 2020
 
primarie Usa
 

Povero Bloomberg, l'America non è in vendita

04/03/2020  Con un patrimonio di 60 miliardi di dollari aveva un budget elettorale praticamente illimitato, tale da comprarsi persino un spot al Superbowls. Ma non è bastato ed è una grande lezione per la pur malandata democrazia statunitense

Povero Michael Bloomberg. Si fa per dire naturalmente. Aveva fatto – anzi speso - di tutto per comprarsi la Casa Bianca. Ma a quanto pare nella corsa alla presidenza degli Stati Uniti i soldi non sono tutto. Lo ha dimostrato il suo “competitor Joe Biden”, che dopo la vittoria al "super tuesday" ha spinto il magnate newyorchese a gettare la spugna e a ritirarsi dall'agone delle primarie democratiche. Bloomberg è praticamente l’alter ego democratico di Donald Trump (stessa città, stessa visione del business, stesse frequentazioni nell'alta finanza e nel jet set). La sua vicenda ci insegna che la malandata democrazia americana tutto sommato non si vende un tanto al chilo e che la forza delle idee, delle proposte, dei progetti, delle visioni, che la capacità di esporre le proprie opinioni e di rispondere brillantemente alle obiezioni degli avversari politici, valgono ancora qualcosa nell'agone elettorale per una dele poltrone più importanti del mondo.

 

Bloomberg infatti non ha badato a spese per la sua campagna nelle primarie dei democratici.  Stando a quanto riferito dalla Nbc, sulla base dei dati in possesso della Commissione elettorale federale, il tycoon spendeva sette milioni di dollari al giorno, pari a poco meno di 5 mila dollari al minuto. Solo per pagare il suo staff aveva speso la ragguardevole cifretta di otto milioni. Il budget dell’ex sindaco della Grande Mela era praticamente illimitato, come ha scritto il New York Times (non ha nemmeno effettuato raccolte di fondi come fanno tutti i candidati, ha speso tutto di tasca sua), e molti lo hanno visto come un valore aggiunto per contrapporlo a Donald Trump. Come dire: milionario per milionario, allora tanto vale scendere sullo stesso piano e giocarsela fino in fondo. Bloomberg ha 77 anni ed è ricchissimo, con un patrimonio stimato intorno ai 60 miliardi di dollari, praticamente il Pil della Bulgaria, accumulato dopo una brillante carriera di imprenditore nel campo della comunicazione finanziaria.

Quando hai un pozzo senza fondo a diposizione per la candidatura, puoi permetterti spot pubblicitari a raffica, hai la possibilità di spostarti senza problemi da una parte all’altra dell’immenso continente americano, organizzando bagni di folla, disponi di grossi cachet per dotarti dei migliori consulenti. Bloomberg si era persino comprato uno spot da un minuto trasmesso nell’intervallo del Super Bowl, lo spazio in assoluto più ambito dagli inserzionisti e il più costoso della televisione statunitense. Nell’America, patria del capitalismo tutto è possibile, ma a volte non basta per soddisfare i propri desideri. Serve anche altro, la propria biografia politica, le proprie capacità, il potere di persuasione, la fiducia nei confronti delle masse. Non bastano i soldi. E' vero, è stato un buon sindaco di New York, non certo un La Guardia , ma dignitoso. ma non è bastato, hanno pesato alcuni scheletri nell'armadio accumultai nelle sue vicende politiche. Tanto è vero che i suoi rivali lo hanno attaccato frontalmente accusandolo di non essere un vero democratico, oltre a rinfacciargli, come ha fatto Elisabeth Warren, un passato di affermazioni sessiste e omofobe. Paradossalmente, spesso i democratici spendono molto di più dei repubblicani nelle campagne elettorali. La vittoria di Trump alle elezioni per la Casa Bianca è costata meno della metà dei 521 milioni di dollari messi in campo dalla Clinton.

Ma Trump aveva capito meglio della Clinton la forza dei social. Twitter e Facebook sono stati i protagonisti della sua corsa, hanno garantito maggiore diffusione e risonanza ai messaggi politici del tycoon. I suoi slogan apparentemente piatti e ripetitivi, hanno fatto breccia nel cuore degli americani e li hanno convinti a dare il proprio voto al magnate, soprattutto nell'America profonda della Rust Belt, la cintura di ruggine, gli Stati con tradizione industriale e operaia. A fronte dei circa 57 milioni di voti ottenuti e dei 270 milioni di dollari spesi per la campagna elettorale, si calcola che Trump abbia speso meno di 5 dollari per ogni voto. Molto più costosa la corsa di Hillary, condotta con mezzi tradizionali e di conseguenza più costosi (circa 237 milioni di dollari solo per gli spot televisivi). Quasi il doppio, 7.6 dollari per voto, il prezzo per ogni elettore, il prezzo della sconfitta di Hillary.

Insomma Bloomberg voleva comprarsi l’America, ma l’America, patria del liberismo, non è in vendita. O almeno non lo è come sembra.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%