logo san paolo
lunedì 21 ottobre 2019
 
 

Quell'incosciente voglia di elezioni

15/05/2012  Anticipiamo il Primo Piano di Famiglia Cristiana n.21, in parrocchia e in edicola da giovedì 17 maggio.

Il premier Mario Monti (Reuters).
Il premier Mario Monti (Reuters).

Tra quanti hanno contribuito a portarel’Italia sull’orlo del baratro, c’è chi, soprattutto nel Pdl, comincia a pensare di togliere la fiducia al Governo Monti. E accarezza il sogno di elezioni anticipate. Anche i movimenti nati sull’onda dell’antipolitica (vedi Cinque stelle di Grillo) fremono allo stesso modo. Per non dire della Lega e dei partiti d’opposizione.

È una politica dell’improvvisazione e dell’interesse di parte. Voglia irresponsabile di rovesciare il tavolo. Una politica che guarda solo al breve periodo. Alla mercé di sondaggi elettorali. Senza una visione ideale e un progetto di lungo respiro non si va lontano. Dietro l’angolo c’è solo la Grecia. Il ricorso alle urne, in tempi brevi, come fosse la panacea dei nostri mali, è solo illusione. Come possono risolvere la crisi economica gli stessi che non riescono nemmeno a cambiare la “porcata” di una legge elettorale che ha tolto ai cittadini il diritto di scegliersi i propri rappresentanti? Chi, ogni giorno, ricatta il Governo dei tecnici, chiamato a cavare le castagne dal fuoco per i guai combinati dai politici, forse non ha ancora compreso la gravità della crisi. Ogni mese si registrano mille fallimenti. Il Paese è vicino al caos. È allarme rosso per tensioni sociali, disperazione di disoccupati e imprenditori.

Il ritorno del terrorismo è inquietante. Così come i ripetuti attacchi a Equitalia. Tutto ciò richiederebbe un supplemento di responsabilità (se mai ci sia stata). Come ripete, con forza, il capo dello Stato. Al Governo va chiesta crescita e più equità, dopo tanto rigore. Più attenzione ai disagi delle famiglie a rischio povertà. Più speranza per i giovani in cerca di lavoro e futuro. Ma giocare a chi prima stacca la spina, senza pagare pegno, è da veri irresponsabili.

Un gioco al massacro: tanto peggio tanto meglio. L’istinto alla sopravvivenza prevale sugli interessi del Paese. Proprio quando, a fatica, abbiamo frenato gli appetiti della speculazione internazionale. E ridato, all’estero, credibilità al Paese. Due risultati da attribuire all’attuale premier, chiamato a curare una malattia provocata da altri. Tra l’altro, mentre i “tecnici” sono all’opera per creare le condizioni di una maggiore crescita dell’economia, i partiti avrebbero dovuto fare la loro parte. Ad esempio, modificare l’attuale legge elettorale, ridurre il numero dei parlamentari, dare al Paese un esempio di rigore finanziario, riducendo drasticamente i soldi pubblici di cui la politica continua a fare largo e improprio uso. Così non è stato. I tempi stringono. In assenza di un colpo di reni e un sussulto di responsabilità, la delegittimazione dei partiti galoppa. E siamo già a livelli minimi di stima.

In visita ai giovani della comunità Rondine, il presidente Monti ha ricordato che la via per uscire dalla crisi è «uno sforzo comune, che faccia leva su un’equa ripartizione del peso che ricade su ciascuno». E ai partiti ha ricordato che «al di là della legittima battaglia politica, c’è un sottofondo di impegno per il benessere collettivo».

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%