logo san paolo
venerdì 23 aprile 2021
 
 

Se la Tv è distratta e prevenuta

31/07/2012  Le reti e i tg italiani dedicano poca attenzione ai soggetti più deboli e a rischio di discriminazione, a partire dai disabili. Circa gli immigrati, poi, prevale un "racconto" negativo.

Foto Corbis. La foto di copertina è dell'agenzia Thinkstock.
Foto Corbis. La foto di copertina è dell'agenzia Thinkstock.

La televisione italiana dedica poco attenzione ai soggetti a rischio di discriminazione. I tg nazionali parlano di immigrati soprattutto come responsabili di episodi illeciti, mentre è scarsa l’attenzione ai disabili e alle persone a rischio per il proprio orientamento sessuale. È quanto emerge dalla prima fase di uno studio condotto da Isimm Ricerche per conto dell’Unar (l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali), avente per oggetto la diffusione, attraverso i programmi di informazione televisiva, di stereotipi legati ai principali target a rischio di discriminazione.


Per un semestre, sono state monitorate tutte le edizioni prime time e day time dei principali telegiornali nazionali, le puntate delle principali trasmissioni di approfondimento politico e le edizioni dei tg regionali di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Secondo i dati presentati dall’Unar, che è un ufficio della Presidenza del Consiglio, i telegiornali e, soprattutto, le trasmissioni di approfondimento riservano uno spazio molto ridotto a questi soggetti. I tre principali telegiornali della Rai, quelli di Mediaset, il TgLa7 e SkyTg24, per esempio, dedicano mediamente solo l’1,4% della loro durata complessiva a tematiche o eventi collegati ai soggetti a rischio. La stragrande maggioranza dell’attenzione mediatica (88,9%), comunque, è concentrata sulle persone di diversa nazionalità, etnia o religione. 

I tre target sono trattati in modo diverso. I soggetti a rischio discriminazione per disabilità non sono, sostanzialmente, oggetto dell’attenzione dei telegiornali italiani e, quando lo sono, sono visti come individui singoli e come vittime; solo raramente sono intesi come un fatto sociale, come un gruppo degno di attenzione in quanto tale. I telegiornali nazionali, infatti, dedicano lo 0,10% della loro durata complessiva a questi soggetti e solo il 20,9% di questa ridotta quantità di tempo è incentrata sul fenomeno della disabilità in generale. I soggetti a rischio per orientamento sessuale sono oggetto di un’attenzione ancora minore, con una modalità di trattazione spesso incentrata sulle controversie politiche relative alle unioni tra persone dello stesso sesso.

Ben diverso il rapporto della televisione italiana con gli immigrati, che compaiono soprattutto all’interno delle notizie di cronaca (80,1% del tempo complessivamente dedicato a questi soggetti; 98,7% nel caso di Studio Aperto). Sbarchi e crimini (62,1%), o arresti da parte delle forze dell'ordine (14,7%) sono le notizie più diffuse. Tendono, quindi a comparire in quanto collegati ad eventi problematici, spesso come autori di azioni negative (53,7%). Anche quando non sono protagonisti di episodi di illegalità, gli immigrati “fanno notizia” perché vittime di azioni negative (discriminazione, razzismo, violenza – 23,5%). 

Prevale, dunque, una modalità di trattazione giornalistica che tende ad inserire questi soggetti all’interno di cornici problematiche. In questo modo, la rappresentazione dell’altro, dell’immigrato, gioca un ruolo che può diventare pericoloso, può creare divisione e diffidenza sociale, difficile da ricucire. Al contrario, “ciò che sembra mancare” – sostiene l’Unar – “è una riflessione più generale sui fenomeni legati a questi soggetti, che prescinda dal loro coinvolgimento in singoli episodi di cronaca o, meglio, che sia incentrata sulle condizioni strutturali che provocano questi eventi”.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%