logo san paolo
martedì 09 marzo 2021
 
regina coeli
 

L'appello del Papa: "Corridoi umanitari per evacuare i profughi in Libia"

28/04/2019  Dopo aver commentato il Vangelo di Giovanni che racconta l'apparizione di Gesù agli apostoli nel giorno di Pasqua, Francesco ha rivolto il suo pensiero e la sua preghiera ai migranti chiusi nei centri di detenzione nel Paese africano, la cui situazione è resa ancora più grave dal conflitto.

(Foto sopra: Ansa. In copertina, foto Reuters: migranti in un centro di detenzione libico)

Ai fedeli riuniti in piazza San Pietro per la recita del Regina coeli, papa Francesco ha ricordato il racconto del Vangelo di Giovanni: «Il giorno di Pasqua Gesù appare ai suoi discepoli nel Cenacolo, portando tre doni: la pace, la gioia, la missione apostolica. Le prime parole che Egli dice sono: “Pace a voi”. Il Risorto reca l’autentica pace, perché mediante il suo sacrificio sulla croce ha realizzato la riconciliazione tra Dio e l’umanità e ha vinto il peccato e la morte». 

Continua il Pontefice: «Gesù si presenta vivo in mezzo a loro e, mostrando le sue piaghe nel corpo glorioso, dona la pace come frutto della sua vittoria. Ma quella sera non era presente l’apostolo Tommaso. Informato di questo straordinario avvenimento, egli, incredulo dinanzi alla testimonianza degli altri apostoli, pretende di verificare di persona la verità di quanto essi affermano. Otto giorni dopo, cioè proprio come oggi,si ripete l’apparizione: Gesù viene incontro all’incredulità di Tommaso, invitandolo a toccare le sue piaghe. Esse costituiscono la fonte della pace, perché sono il segno dell’amore immenso di Gesù che ha sconfitto le forze ostili all’uomo, cioè il peccato, il male e la morte».

Le piaghe di Gesù, spiega papa Francesco, sono i problemi, le difficoltà, le persecuzioni, le malattie di tanta gente: «Se tu non sei in pace vai a visitare qualcuno che è il simbolo della piaga di Gesù». Dalle piaghe, sottolinea il Pontefice, scaturisce la Misericordia, di cui oggi ricorre la celebrazione.  E ancora un’esortazione: «Avviciniamoci a Gesù e tocchiamo le sue piaghe. Le piaghe di Gesù sono un tesoro, da cui esce la misericordia». Il Papa ricorda poi il secondo dono di Cristo, che è la gioia. E infine il terzo dono: la missione.  «La risurrezione di Gesù è l’inizio di un dinamismo nuovo di amore, capace di trasformare il mondo con la potenza dello Spirito Santo». 

Dopo la recita della preghiera del Regina coeli, Francesco ha ricordato i nuovi Beati proclamati ieri a La Rioja, in Argentina: «Enrique Angel Angelelli, vescovo diocesano, Carlos de Dios Murias, francescano conventuale, Gabriel Longueville, sacerdote fidei donum, e Wenceslao Pedernera, catechista e padre di famiglia», martiri della fede, perseguitati per causa della giustizia e della carità evangelica. 

Ha poi rivolto il suo pensiero e la sua preghiera ai «profughi che si trovano nei centri di detenzione in Libia, la cui situazione, già molto grave, è resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso. Faccio appello perché specialmente le donne, i bambini e i malati possano essere al più presto evacuati attraverso corridoi umanitari». E una preghiera anche «per quanti hanno perso la vita o hanno subito gravi danni per le recenti alluvioni in Sudafrica. Anche a questi nostri fratelli non manchi la nostra solidarietà e il concreto sostegno della comunità internazionale». Francesco ha infine rivolto i suoi auguri ai fratelli e le sorelle delle Chiese orientali, che oggi, secondo il calendario giuliano, celebrano la Pasqua, e ha chiesto ai fedeli di piazza San Pietro di unirsi a lui in un applauso. 

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%