logo san paolo
martedì 16 luglio 2019
 
 

Antonella Clerici al timone di SanremoYoung: «I miei talenti da Festival»

15/02/2019  A colloquio con Antonella Clerici che conduce “SanremoYoung”, in onda su Rai 1. «Ormai sono esperta nel riconoscere le giovani promesse. E poi ho sempre avuto un debole per l’Ariston»

Venti ragazzi dai 14 ai 17 anni sul palco dell’Ariston. Per esibire il loro talento canoro in una gara che prevede il voto da casa, quello di una giuria di esperti e dell’orchestra diretta dal maestro Diego Basso e composta, anche in questo caso, da giovanissimi musicisti. A presentare SanremoYoung Antonella Clerici, che ha maturato una grande esperienza nel condurre talent per giovanissimi, grazie a Ti lascio una canzone, dove a esibirsi erano dei bambini.

Questo format è stata una tua idea?

«Sì, era da tempo che volevo sfruttare il palco di Sanremo per un programma musicale. Avevamo fatto lì le prime due edizioni di Ti lascio una canzone, ed erano molto più spettacolari di quando ci siamo spostati in uno studio televisivo. Credo che un luogo così prestigioso vada sfruttato, perché anche la location è importante».

Che idea ti sei fatta di questi ragazzi?

«Oggi nei giovani il talento si esprime sempre prima. Li trovo molto maturi, e hanno grande dimestichezza con il palcoscenico e le telecamere».

Cosa hai detto ai ragazzi?

« I giudici hanno lo scopo di aiutare la crescita personale dei ragazzi. Io stessa ho ricordato loro che già essere qui è un traguardo. È una vetrina importante per farsi notare e ci sono già delle case discografi che che li stanno tenendo d’occhio».

Come si sono svolte le selezioni?

«Ci sono arrivati ben 1.300 provini video, ho passato le vacanze di Natale a vedermeli tutti. Ne abbiamo convocati 68: alcuni dal vivo si sono rivelati mediocri. Abbiamo scelto i dodici concorrenti cercando di diversificarli tra loro, anche se le candidate erano in maggioranza femmine».

Il verdetto finale spetta a un ospite, che decreta tra i quattro che hanno ottenuto meno voti lo showdown, cioè ne elimina due.  I ragazzi sono chiamati a interpretare canzoni della storia delle 69 edizioni del Festival di Sanremo e hanno solo due giorni per prepararsi.

E le tue canzoni preferite di Sanremo quali sono, Antonella?

«Tantissime, io ho sempre seguito con passione il Festival, che è anche uno spaccato di costume. Ricordo Perdere l’amore di Massimo Ranieri, Vattene amore di Amedeo Minghi e Mietta, Ti lascerò di Fausto Leali e Anna Oxa».

Cosa ne pensi dell’ultima edizione del Festival? «Mi è piaciuto il gran ritmo, il trio di conduttori molto af atato e il fatto che tutto, anche le gag, avessero come sfondo la canzone».

Che ricordi hai delle tue conduzioni a Sanremo?

«Meravigliosi. Nel 2010 ero da sola su quel palco, nessuno ci credeva all’epoca e invece ho fatto un grande share. Sono stata l’unica a non aver avuto nemmeno una spalla».

(foto Ansa)

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%