logo san paolo
domenica 12 luglio 2020
 
SPAGNA
 

Se Google oscura la Spagna (per ritorsione)

11/12/2014  La Spagna tassa il colosso di Mountain View e il gigante del Web chiude il servizio. Ma è giusto che i grandi gruppi multinazionali eludano le tasse, quando il resto del mondo le paga?

Dunque Google fa la voce grossa e oscura le news in Spagna (dal 16 dicembre). E’ la risposta del colosso di Mountain View alla nuova legge sulla proprietà intellettuale varata dal governo Rajoy e approvata dal Parlamento di Madrid. La normativa, che andrà in vigore dal primo gennaio prossimo, impone ai cosiddetti “aggregatori di notizie” una compensazione economica agli editori che hanno prodotto i contenuti web. Una questione semplice semplice che riguarda la proprietà intellettuale: se un editore mette in Rete dei contenuti (notizie, interviste, reportage, fotografie, video, tg digitali etc.) e paga i dipendenti o i collaboratori che li hanno prodotti, perché mai un altro editore web (nel nostro caso Google, ma non solo) dovrebbe aggregare e diffondere gli stessi contenuti in tutto il mondo, guadagnandoci in pubblicità, gratis ed esentasse?

Dov’è, come si dice in gergo, la “compensazione equitativa”? Perché non si pagano i diritti d'autore? In Italia, ad esempio, ormai mancano solo le finestre e i cappelli ad essere oggetto del fisco: non si capisce perché una multinazionale che lo scorso anno in Italia ha fatturato 1.100 milioni di euro esentasse non debba pagare royalties ed essere sottoposto a prelievo fiscale. In Spagna l’obiezione della minoranza parlamentare è stata che la nuova legge favorisce i grandi editori e mette in difficoltà i piccoli (che fanno uso di questi contenuti messi in Rete gratuitamente e poi li rielaborano e che soprattutto sono favoriti dai milioni e milioni di clic e visualizzazioni veicolati proprio grazie ai motori di ricerca). Ma alla lunga, sostiene il governo spagnolo, che tra l'altro ha esentato gli utenti e le reti sociali,  anche i piccoli  ne verrebbero avvantaggiati. Anche gli editori minori infatti producono contenuti, e la mole di notizie cui attingono è quasi sempre minore rispetto a quella che rielaborano e producono.

L’elusione fiscale dei big della Rete e il pagamento dei diritti d'autore non è più tollerabile se vogliamo salvare il mondo editoriale, in grave crisi proprio per l'avvento delle nuove tecnologie.  Tra l'altro la Spagna non è il primo Paese a imporre una tassa. Iniziative del genere sono state già prese in Germania, Belgio e Francia anche se la Spagna impone un tributo obbligatorio e quindi non è possibile, come è avvenuto in Francia, arrivare ad accordi privati che aggirano le leggi (la società californiana ha stretto un accordo da 60 milioni con gli editori per continuare a diffondere le notizie da essi prodotte).

Questa situazione è figlia della globalizzazione, che mette in difficoltà gli Stati favorendo le realtà finanziarie ed economiche transnazionali (spesso proprio grazie alla Rete). In Gran Bretagna le sette maggiori multinazionali presenti sul mercato britannico (con sedi in altri Stati, che le favoriscono fiscalmente grazie a una legislazione favorevole)  versano 54 milioni di euro a fronte di 15 miliardi di ricavi! Possiamo andare avanti così, con questi grandi gruppi che si muovono come leviatani nel mondo immuni dal fisco, saltando da un confine all'altro, quando mezza Europa è sul baratro della disoccupazione e la pressione fiscale compromette, oltre che il tenore delle famiglie, il futuro industriale del Paese? Lasciamo pure che si spengano le news, saranno altri a diffonderle in un Paese democratico. E' molto probabile che gli aggregatori di notizie verranno a patti come è avvenuto ragionevolmente in Francia. Non gli si chiede di scomparire, ma di pagare le tasse e i diritti d'autore come tutte le altre aziende editoriali del "vecchio mondo".

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%