logo san paolo
mercoledì 20 novembre 2019
 
gran bretagna
 

Se la Brexit produce il "Britaliota"

12/10/2016  Dopo le liste di proscrizione per lavoratori stranieri ecco le scuole che dividono gli italiani in "italiani, siciliani e napoletani". Iniziativa razzista, xenofoba e soprattutto stupida. Fin dove arriveremo?

(nelle foto: Rowan Atkinson nei panni di Mr. Bean)
 
Ci sono un italiano, un siciliano e un napoletano … No, non è una barzelletta di Salvini. E nemmeno una battutaccia di un ubriaco di un'osteria padana al terzo bicchiere di rosso. Sono i moduli di iscrizione on line di alcuni circoscrizioni scolastiche inglesi e gallesi dedicate agli studenti italiani. Nemmeno l’Umberto Bossi prima maniera avrebbe osato tanto, dividendo gli italiani in (testuale) “italiani, italiani-siciliani e italiani napoletani”, due sottocategorie di impronta talmente razzista, quest’ultime, che hanno portato perfino alla protesta dell’ambasciatore italiano Pasquale Terracciano. Il quale ha ricordato agli inglesi, con perfetto humour britannico che “l’Italia è unita dal 1861”.

Gli autori dei questionari si sono giustificati asserendo che la suddivisione è a fin di bene, “per non discriminare” che ci pare una giustificazione sinceramente idiota. E giustamente Terracciano ha aggiunto che “di buone intenzioni è lastricato l’inferno”. Tra gli effetti perversi di Brexit c’è quello di aver fatto nascere una nuova figura antropologica immaginaria che incarna una certa categoria dello spirito: il “britaliota”. Il “britaliota”, confortato dall’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, professa anche una massiccia avversione verso gli stranieri, irrorata da una massiccia dose di ignoranza. Una specie di Mr Bean meno goffo e più retrogado. E’ certamente xenofobo, poco intelligente e forse anche invitabilmente razzista. Crede che gli italiani portino la coppola, abbiano almeno un mafioso in famiglia e mangino spaghetti anche a colazione.

Il "britaliota", subito intercettato dalla politica, è un fenomeno in ascesa e produce effetti stranianti come quello della ministra inglese Amber Rudd, che aveva proposto liste di proscrizione degli stranieri nelle aziende britanniche, una proposta talmente idiota (chissà chi è il britaliota che gliel'ha prospettata) che ha dovuto ritirarla in tutta fretta dopo essersela vista bocciata dagli industriali inglesi e dal Parlamento di Westminster al completo, compresi i colleghi ministri. E anche nel caso dei questionari il Foreign Office ha dovuto scusarsi il giorno dopo. Il "britaliota" ragiona con la sua testa come i lemming, predilige la birra e il whisky alle tradizionali "cup of tea" (che almeno lo aiuterebbero a mantenere un minimo di lucidità), si annida e si riproduce come i conigli nelle verdi vallate inglesi e gallesi e finisce per produrre veri e propri monumenti alla stupidità come i questionari citati. Infine, dopo aver prodotto scempiaggini sesquipedali, spesso le ritira e si scusa ("ops, sorry..."). Dio salvi la regina e salvi noi dai “britalioti”.

Multimedia
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
«Theresa May, ho due cose da dirti»: bimba di 5 anni striglia la premier inglese
Correlati
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
I vostri commenti
14
scrivi

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%