logo san paolo
venerdì 06 dicembre 2019
 
 

Castiglion, il primo sindaco "grillino"

08/05/2012  Ha vinto a Sarego, centro di 6.500 abitanti in provincia di Vicenza. Ingegnere, 32 anni, sposato, due figlie. Il programma: migliorare le piste ciclabili, puntare sulle energie pulite.

 Roberto Castiglion, sindaco "grillino" di Sarego (Vicenza), durante i festeggiamenti dopo l'elezione (Ansa).
Roberto Castiglion, sindaco "grillino" di Sarego (Vicenza), durante i festeggiamenti dopo l'elezione (Ansa).

Guai a parlargli di antipolitica. «Semmai noi siamo la nuova politica, quella del futuro, quella che piace ai cittadini», taglia corto Roberto Castiglion rispondendo al telefono. Accento veneto inconfondibile, rumore di baldoria in sottofondo, grande cortesia. È lui il nuovo sindaco di Sarego, centro di 6.500 abitanti in provincia di Vicenza. Ma soprattutto, è il primo sindaco d’Italia portato al successo dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che su Twitter cinguetta felice: «Abbiamo il primo sindaco: è a Sarego (Vicenza) la prima Terza Repubblica. Avanti così, Belin!».


Se la Seconda Repubblica nacque a Milano con lo tsunami Tangentopoli che travolse il pentapartito segnando il passo a favore di quella Lega che in piazza agitava il cappio, la Terza, stando al gran capo dei grillini, nasce per un beffardo contrappasso proprio in una roccaforte leghista. Sarego, infatti, è una delle sedi del parlamento della Padania. Proprio qui, l’anno scorso l’ex leader del Carroccio Umberto Bossi aveva lanciato l'ultimo appello secessionista. Sempre qui, il Senatur, dimostrandosi poco preveggente, si era spinto a imporre il diktat al sindaco di Verona, Flavio Tosi: «Non può», tuonava primo che lo scandalo lo travolgesse, «presentare una lista civica con il suo nome, sarebbe danneggiare la Lega».

Beppe Grillo "sostenuto" dagli elettori del Movimento 5 stelle (Ansa).
Beppe Grillo "sostenuto" dagli elettori del Movimento 5 stelle (Ansa).


A Tosi, che poi ha stravinto a Verona travolgendo anche il Pdl, era stata anche tolta la “corona” di vicepresidente del parlamento della Padania. E invece qui hanno vinto i grillini. Un po’ a fatica, ma hanno vinto. Castiglion l’ha spuntata per 20 voti di scarto: 1.045 voti quelli del candidato a 5 Stelle (35,21%), 1.025 (34,54%) quelli del candidato di “Insieme per Sarego”, sui quali i grillini in campagna elettorale hanno sparato ad alzo zero: «Sono i soliti noti: un po’ di democristiani, un po’ di Pd, un po’ di tutto, insomma». E il candidato del Carroccio? Fabrizio Bisognin è arrivato ultimo, piazzandosi al terzo posto. Per lui solo 404 voti (il 13,61%) e un seggio in consiglio comunale.

«Qui la Lega ha sempre avuto grandi successi», gongola Castiglion, «l’amministrazione uscente era guidata da una civica vicina al Carroccio. Quindi, davvero, questo è un risultato storico». Che fosse importante espugnare Sarego lo dimostra il fatto che in campagna elettorale da queste parti è passato anche Grillo ad arringare i cittadini. «Indubbiamente il suo passaggio ci ha aiutato molto. La gente ha capito la nostra proposta, ha capito che siamo vicini a loro, li vogliamo ascoltare e aiutare», dice il neo sindaco.

Ingegnere, 32 anni, sposato, due figlie. Castiglion si è laureato in ingegneria informatica con il massimo dei voti. Dal 2005, lavora come Project manager nel gruppo di sviluppo per le applicazioni mobili dell’Enel. È “attivista” grillino dal gennaio scorso. L’operazione “purezza”, come si dice nel gergo grillino, ha funzionato: «Tutti i nostri candidati non hanno precedenti penali, come certificato dal Tribunale di Vicenza e non sono mai stati iscritti a nessun partito», precisa.

Sul programma da realizzare Castiglion ha le ide chiare: «Dovremo discutere del Piano regolatore, migliorare le piste ciclabili, puntare sulle energie pulite e rendere più snello il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione utilizzando Internet». Il suo leader ha detto che lei è il simbolo della Terza Repubblica. Pausa. Poi Castiglion risponde: «Mah! Adesso mi godo il successo e poi devo pensare a governare».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%