logo san paolo
lunedì 06 aprile 2020
 
SINODO
 

Irrompe la questione povertà

08/10/2014  Ci sono anche fattori economici che minacciano la famiglia. Continua il dibattito tra dottrina e pastorale. Più realismo, più misericordia senza mettere in discussione i principi. Fondamentalismo islamico e matrimoni misti.

Al Sinodo irrompe la questione della povertà, il lavoro precario, la disoccupazione, il denaro che manca e quindi non si può nemmeno avere un’abitazione decente. Tutte cose che mettono in crisi la famiglia. Così come la ricerca del denaro, nuovo idolo, che spesso sacrifica le famiglie sull’altare del profitto. Gli interventi continuano serrati e ormai quasi tutti i Padri Sinodali sono intervenuti almeno una volta. Ma si è parlato dei laici, che vanno ascoltati di più perché è con loro che la Chiesa può trovare risposte ai problemi delle famiglie. Un altro tema è quello delle migrazioni.

In alcuni interventi sono stati criticati le leggi di alcuni Paesi che non permettono o rendono molto difficile il ricongiungimento familiare. Sotto accusa anche il fondamentalismo religioso soprattutto islamico che impedisce ai cristiani di essere cittadini con pari diritti rispetto ai cittadini musulmani, con relativi problemi per le famiglie che risultano da matrimoni misti. C’è il problema dell’educazione religiosa dei figli e l’incognita di quei cattolici che uniti in matrimonio misto vogliono continuare a praticare la propria religione. Altri interventi hanno proseguito nella discussione sul rapporto tra dottrina e pastorale  Si sa che su alcune questioni di esegesi, cioè sull’interpretazioni di passi della Sacra Scrittura relativi all’indissolubilità del matrimonio, vi sono posizioni differenti.

Un momento dei lavori del Sinodo straordinario dei vescovi sulla famiglia. Foto Ansa.
Un momento dei lavori del Sinodo straordinario dei vescovi sulla famiglia. Foto Ansa.

L’argomento è stato al centro del dibattito di mercoledì mattina come ha riferito ai giornalisti l’arcivescovo Victor Manuel Fernandez, rettore dell’università cattolica di Buenos Aires invitato al Sinodo da Papa Francesco. Ha spiegato che la dottrina sull’indissolubilità non cambia, ma occorre considerare con realismo le situazioni difficili. Insomma la dottrina evolve nella sua spiegazione con l’evoluzione del pensiero e insieme alla storia, che cambia. Fernandez ha fatto l’esempio della schiavitù, prima ammessa dalla Chiesa e poi condannata. La stessa cosa vale per molte cose che riguardano la pastorale familiare. La parola chiave attorno al quale si stanno svolgendo le discussioni in aula sembra dunque essere “gradualità”.

Ne ha parlato, a quanto si apprende, il cardinale di Monaco Marx, ma anche il preposito generale dei Gesuiti padre Nicolas. Il rettore Fernandez ha ricordato che nell'Evangelii gaudium papa Francesco “ha parlato del bene possibile: c'è l'ideale, che noi amiamo tanto e che non vogliamo indebolire, ma c'è la realtà delle persone che ancora non possono arrivare a quell'ideale ma possono crescere verso il bene possibile”. I vescovi devono “favorire questo bene possibile, senza dimenticare questo tema della gradualità, per le tante situazioni che troviamo nelle famiglie”. La stessa cosa per la poligamia, altri tema affrontato dal Sinodo. E’ condannata dalla Chiesa sulla base del rispetto della dignità della donna.

Uno scorcio di un'area povera in Myanmar, l'ex Birmania. Foto Reuters.
Uno scorcio di un'area povera in Myanmar, l'ex Birmania. Foto Reuters.

Ma essa in alcune società è alla base di molti rapporti sociali. Se una donna di queste società si converte, cosa deve fare? Lasciare tutto e morire di fame? Fernandez ha posto proprio questa domanda, invitando a riflettere per trovare una soluzione che rispetti la dottrina, ma anche che sia misericordiosa verso le parole. Molti interventi stanno riprendendo anche il tema della “carità creativa” di cui ha parlato Papa Francesco più volte nella veglia di sabato scorso organizzata dalla Cei e nell’omelia della Messa che ha aperto i lavori del Sinodo.

Multimedia
Sinodo, proseguono i lavori in Vaticano
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%