logo san paolo
lunedì 21 ottobre 2019
 
Onu: crimine di guerra
 

Raid in Siria, orrore senza fine

05/04/2017  Decine di morti, fra cui molti bambini, in un attacco con armi chimiche nella provincia di Idlib. Mentre l'ONU cerca di fare chiarezza, comincia il solito palleggio di responsabilità fra il governo siriano e le forze ribelli. La condanna del Papa per "l'inaccettabile strage".

“L’umanità è morta in Siria, non ci sono figli di Assad e dei ribelli, le vittime sono i bambini, per una guerra che non hanno voluto”. Sono bagnate di lacrime le parole con le quali Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, commenta l’ultimo misfatto della guerra in Siria. Un nuovo attacco  con armi chimiche che avrebbe colpito la  città di Khan Sheikhun, nella provincia nord occidentale di Idlib.

Le immagini arrivate dalla Siria mostrano bambini e adulti stesi in strada, seminudi, con gli occhi sbarrati, mette i soccorritori li innaffiano con l'acqua o li aiutano a respirare con le mascherine per l’ossigeno. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria e la Syrian American Medical Society, i morti sarebbero 72, fra i quali 20 bambini. Ma in totale le persone intossicate sarebbero oltre 160, alcuni in gravi condizioni. i Una trentina di feriti sono state portate oltre il confine, in Turchia, per essere curate negli ospedali locali. Secondo Recep Akdag, ministro turco della salute, ci sarebbero le prove di un attacco chimico, ma per ora non ha aggiunto dettagli.

Non si sa ancora quale tipo di gas sarebbe stato usato.

“Non abbiamo ancora alcuna conferma affidabile, quello che abbiamo capito è che è stato un attacco chimico e che è venuto dall’aria”, ha dichiarato Staffan de Mistura, il diplomatico inviato speciale dell’ONU in Siria. 

Questa mattina, nell’udienza generale, Papa Francesco  ha detto che “assistiamo inorriditi” agli eventi in Siria e ha espresso la sua “ferma deplorazione per l’inaccettabile strage”.

Mentre il mondo condanna il “ crimine di guerra” e il Consiglio di Sicurezza dell’ONU viene convocato per una riunione di emergenza, comincia il solito rimpallo delle responsabilità. Se l’attacco è avvenuto, come sembra, con un bombardamento aereo, l’indice è puntato verso l’esercito siriano. Il comando delle forze armate di Damasco ha diffuso un comunicato in cui respinge le accuse  e afferma che “i responsabili dell’uso di agenti chimici sono i terroristi e chi li sostiene”. I russi, alleati di Assad, hanno subito dichiarato che nessun aereo militare russo  era impegnato in raid sulla zona di Idlib. Le autorità russe hanno aggiunto che in effetti l’aviazione siriana ha condotto un raid aereo  sulla città, colpendo un deposito di “sostanze tossiche” che era stato nascosto nel terreno dai “terroristi”.

Intanto, in occasione della Giornata Internazionale contro le mine antiuomo,  Medici Senza Frontiere ha diffuso un rapporto che mostra come il nord della Siria sia disseminato di mine e ordigni inesplosi, con “trappole esplosive piazzate ovunque, sotto i tappeti, nei frigoriferi, addirittura negli orsetti di peluche dei bambini”. Un ulteriore dimostrazione di come il conflitto in Siria sia un concentrato di crimini di guerra.

Tag:
Multimedia
Bombardamenti sulla base aerea siriana, l'America punisce Assad
Correlati
Il lancio dei missili sulla Siria dalle cacciatorpediniere della Marina americana
Correlati
Bombardamenti sulla base aerea siriana, l'America punisce Assad
Correlati
I vostri commenti
18
scrivi

Stai visualizzando  dei 18 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%