logo san paolo
mercoledì 21 ottobre 2020
 
dossier
 

Solo se i nostri figli si comporteranno come Willy la violenza sarà sconfitta

11/09/2020  Attendiamo che la giustizia insegni con una punizione magistrale ai fratelli Bianchi e ai loro complici, che la loro violenza è criminale e stupida. Ma come educatori e genitori dobbiamo spronare i nostri ragazzi ad intervenire nel caso in cui un loro amico si trovi in difficoltà (di Alberto Pellai).

La morte di Willy Monteiro ha riempito noi genitori di orrore, per la violenza di cui è stato vittima. Ma anche di paura. Pensiamo ai nostri figli, a quando escono la sera per andare con i loro amici. Ci domandiamo se anche loro potrebbero trovarsi coinvolti in qualcosa di simile. In fin dei conti, se siamo buoni genitori, li dovremmo aver educati a comportarsi proprio come Willy. Ovvero ad intervenire nel caso in cui un loro amico si trovi in difficoltà, a mostrare empatia nei confronti di chi soffre, a fermare ogni azione di violenza. In questi giorni ho sentito molti genitori consigliare ai propri figli: “Tu non fare come Willy. Se ti accorgi, mentre sei fuori, che qualcuno si sta mettendo nei pasticci, tu scappa via e molla tutto”. E’ comprensibile questa reazione. Ma, dal punto di vista educativo, è anche la più sbagliata. Perché noi educatori dobbiamo contribuire a riempire il mondo di belle persone, come Willy sapeva essere. Se disattiviamo nei nostri figli quella naturale ed empatica spinta a fare ciò che è bene e ciò che è giusto, se gli insegniamo che la strada del coraggio è troppo pericolosa e quindi conviene rimanere riparati nel territorio della paura, succederà che quelli come i fratelli Bianchi si prenderanno – sempre più - il controllo del territorio. Porteranno la loro violenza tossica, la loro criminale potenza bullista al centro di ogni piazza e si sentiranno i “re del mondo”. Ma se ogni ragazzo sa fare quello che ha fatto Willie, si troveranno soli e isolati. Quelli impauriti diventeranno loro. Viviamo in un mondo che, almeno in parte, esalta la violenza tossica, che induce i nostri figli maschi a credere che si diventa potenti e popolari quando si coltiva la forza dei muscoli e non quella della mente. Che vince chi fa fuori l’altro. Che la prepotenza è molto più vantaggiosa della competenza. E’ per questo che oggi piangiamo un ragazzo come Willy, che tutti descrivono come un giovane uomo, promettente e pieno di bellezza. Attendiamo che la giustizia insegni con una punizione magistrale ai fratelli Bianchi e ai loro complici, che la loro violenza criminale e stupida, alla fine li ha fatti finire nell’unica posto in cui potranno comprendere il disastro di cui si sono resi colpevoli. Però, non smettiamo mai di dire ai nostri figli, quando escono di casa: “Sii come Willy. Fai come lui e aiuta i tuoi amici a fare altrettanto”. Altrimenti muore ogni speranza. E l’educazione diventa solo un miraggio irraggiungibile. Certo, chi controlla il rispetto della legge nei nostri paesi e nelle nostre città, deve aiutare noi genitori a dare senso al nostro progetto educativo. Perché altrimenti la frase “Sii come Willy” rischia di diventare un'incitazione al martirio. Che poi è esattamente quello che è successo a lui. Presumo che molti tra noi, si sentiranno provocati da questo messaggio. Ciò nonostante, noi genitori, noi educatori, noi docenti, dobbiamo continuare a far tenere alto lo sguardo ai nostri ragazzi e ragazze, ai nostri figli, ai nostri studenti. Auspico che la storia di Willy Monteiro arrivi sui banchi di tutte le classi di scuola secondaria, in questo inizio di anno scolastico. E permetta a tutti i nostri figli, di sentire che nelle loro scuole, nelle loro città, nei loro gruppi di amici ci devono essere non uno, ma dieci, cento, mille Willy. 
 

Multimedia
«Caro Willy, spegnere il tuo sorriso è stato un furto di felicità collettiva»
Correlati
«Caro Willy, spegnere il tuo sorriso è stato un furto di felicità collettiva»
Correlati
Disegni, fiori e preghiere per Willy
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 0,00 - 14%