logo san paolo
lunedì 21 ottobre 2019
 
 

2012: stessa spiaggia, stesso mare...

09/06/2012  Un sondaggio di Expedia rivela le tendenze dei viaggiatori di 21 Paesi per le vacanze dell'estate 2012. Grecia e Spagna restano al top.

Un'affollata spiaggia italiana (Ansa).
Un'affollata spiaggia italiana (Ansa).

Tutti pazzi per il mare. Non c’è città d’arte, baita in montagna o casa sulle colline che tenga, di fronte al richiamo di una spiaggia assolata. Anche quest’anno, come sempre, gli italiani per le loro ferie scelgono ilmare: in base a un’indagine effettuata da Expedia, portale Web di viaggi, e Harris Interactive su oltre 8.500 consumatori in 21 Paesi nei cinque continenti, oltre il 75% dei nostri connazionali ha in programma di trascorrere almeno una vacanza in località marittime nei prossimi dodici mesi e più della metà di loro (58%) lo farà durante il periodo estivo.

Una passione, quella per il mare, che colloca gli italiani – inseguiti a breve distanza dagli spagnoli – in vetta alla classifica, rispetto agli altri Paesi presi in considerazione: fuori dall’Italia, la media è del 52%, con un aumento di sette punti percentuali rispetto all’anno scorso. Fuori dall’Europa, invece, i meno amanti del mare sono i giapponesi e gli americani (rispettivamente 22 e 23%).

In generale, comunque, la spiaggia si conferma la meta vacanziera preferita dalla maggior parte dei viaggiatori di tutto il mondo, con un soggiorno della durata media di poco meno di una settimana (6,4 giorni). Ma anche in questo, gli italiani risultano primi in classifica: per loro una media di 10,2 giorni. All’ultimo posto, invece, i coreani, con appena 3 giorni medi di spiaggia: praticamente il classico “mordi e fuggi” del week-end.

Un musicista sulla spiaggia di Rio de Janeiro (Ansa).
Un musicista sulla spiaggia di Rio de Janeiro (Ansa).

Nella scelta della spiaggia dove trascorrere le vacanze, gli italiani si dimostrano esterofili: nella classifica delle dieci mete marittime più gettonate (stilata dall’indagine di Expedia), il Nordest della Sardegna e Taormina sono le uniche destinazioni nazionali ad avere un posto (il nono e il decimo, tra l’altro...), mentre in dodicesima posizione si colloca Palermo (dopo Valencia e la Costa del Azahar), a conferma che in Italia il mare preferito è quello di Sardegna e Sicilia.

Le prime quattro destinazioni per l'estate alle porte? Le Isole Baleari (Maiorca, Minorca, Ibiza, Formentera...), tradizionali capitali del divertimento giovane, e poi Miami, in Florida, le Isole Cicladi (come Mikonos e Santorini), a seguire le Isole Canarie (Tenerife,Fuerteventura, Lanzarote...), poi Malta, e ancora le Isole greche del Dodecaneso, Malaga e la Costa del Sol, Creta.

Insomma, nelle vacanze degli italiani continuano a esserci tanta Spagna e tanta Grecia, complici, oltre alla bellezza del mare e delle spiagge, anche i prezzi più abbordabili. Ma non mancano le mete più "esotiche": dall'Arcipelago delle Florida Keys alla Riviera Maya, cuore della movida messicana, nella penisola dello Yucatán.

Una spiaggia thailandese (Ansa).
Una spiaggia thailandese (Ansa).

Se ai canadesi al mare piace fare snorkeling (il 34%), i neozelandesi e gli australiani amano pescare (rispettivamente il 36 e 35%). Molti coreani adorano mangiare frutti di mare (49%), un’abitudine che i norvegesi, dal canto loro,trovano quantomeno bizzarra (1%). In spiaggia, comunque, rilassarsi e godersi tranquillamente il sole, abbronzarsi distesi sul lettino sono le attività in assoluto più gettonate: mantenersi attivi e dinamici, insomma, va bene, ma al mare, in vacanza, nessun senso di colpa se si resta per ore a sonnecchiare sotto il sole, scegliendo il beato ozio.

I più amanti dell’abbronzatura? Sono i messicani (79%), mentre ai brasiliani, campioni del culto del corpo, piace tenersi in forma anche quando sono in spiaggia (40%). La grande maggioranza dei tedeschi (82%) trascorre molto tempo nuotando. E gli italiani? Il 64% confessa di preferire il relax totale, anche se il 22% ammettedi amare attività come il ballo.

Quelli che, invece, non riescono proprio a rilassarsi sono i giapponesi, inguaribili stacanovisti, anche in spiaggia. Quanto al divertimento notturno, se la media europea si ferma al 25%, gli italiani - 34% - si dimostrano grandi festaioli, superati - di quattro punti percentuali - solo dagli spagnoli, i veri campioni della movida.

A causa della crisi, in ogni caso, gli italiani hanno ridotto significativamente i programmi di partenza. Lo dice il Barometro Vacanze 2012, realizzato come sempre da Ipsos per conto di Europe Assistance, per analizzare i programmi degli Europei per l'estate.

     Giunta quest'anno alla dua dodicesima edizione, quest'indagine sonda le intenzioni di vacanza dei cittadini di alcuni dei più importanti Paesi europei (oltre all'Italia, la Francia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna, il Belgio e l'Austria). Oltre alle loro motivazioni, le destinazioni e soprattutto il budget dedicato. 

     Se la vacanza estiva è spesso considerata imprescindibile nelle priorità degli europei, il 2012 ha fatto registrare una tendenza davvero negativa, portando il dato al livello più basso degli ultimi otto anni. Il Barometro rivela infatti che il 58% degli europei ha in programma di andare in vacanza almeno una volta durante l'estate (tra giugno e settembre inclusi), contro il 66% dell'anno precedente. Una contrazione che investe tutta l'Europa, ma che si fa sentire soprattutto nei Paesi più seriamente colpiti dalla crisi economica.

     Gli italiani in particolare fanno rilevare un 15% in meno di potenziali vacanzieri  rispetto allo stesso periodo del 2011. Solo il 63% degli italiani ha dichiarato infatti di avere in programma una vacanza estiva contro il 78% dello scorso anno. Seguono a ruota gli spagnoli, che dichiarano di avere meno voglia e possibilità di partire per le vacanze (-14%: 51% contro il 65% del 2011). Anche gli inglesi scontano una crisi di fiducia nel contesto economico e di conseguenza affrontano con maggior prudenza le spese per le ferie (-10% di viaggiatori: 51% contro il 61%). In lieve controtendenza sono solo i francesi: il 70% dei transalpini ha infatti dichiarato di voler partire per le vacanze quest'estate (+2% rispetto al 68% del 2011).

Le vacanze tra le prime spese tagliate

     Sempre secondo il Barometro Ipsos-Europe Assistance sembra che in media tra le prime voci di budget su cui gli europei tendono a risparmiare in tempo di crisi ci siano proprio le vacanze. Sono al terzo posto dopo abbigliamento (al primo posto) e giochi, prodotti tecnologici e culturali.

     La proporzione di chi pensa di ridurre i costi per la voce vacanze nel budget è più alta, ancora una volta, per gli spagnoli e gli italiani (rispettivamente 20% e 17%), mentre per i tedeschi rimane più marginale (il loro risparmio in ferie sarà solo dell'8%).
Per gli inglesi le vacanze sono la prima voce di budget soggetta (ora o anche in futuro) a una revisione di spesa (14%), prima dell'abbigliamento e dei trasporti/auto (10%). 

    L'alimentazione e la salute, invece, sembrano essere le uniche voci sulle quali gli europei non intendono risparmiare. Solo una media tra l'1% e il 4% degli europei dichiara infatti di voler tagliare anche queste due voci.

Mete vicine e vacanze continentali 

  L'Europa è ancora scelta come destinazione per le vacanze estive dalla maggioranza degli europei. Il 79% dichiara di avere in programma di restare nel continente per le vacanze 2012. Quasi metà (48%, +1 punto rispetto al 2011) preferisce il turismo nazionale. Il budget è tornato a essere il primo fattore da tenere in considerazione per la scelta della destinazione, prima del clima e della paura di rischi di attentati terroristici.

Focus vacanze italiane 2012

63% italiani che hanno intenzione di partire per le vacanze durante l'estate 2012

18% partirà più di una volta (rispetto al 37% del 2011)

40% ha in programma una vacanza della durata di una settimana

33% ha in programma una vacanza di 15 giorni

17% limiterà il budget dedicato alle vacanze

-554 euro è il taglio sul budget effettuato dagli italiani per le vacanze estive 2012

41% pianificherà le vacanze last minute, anche per risparmiare (31% l'anno scorso)

70% programma di restare in Italia

14% programma di restare in Europa ma fuori dal nostro Paese

60% sceglie vacanze all'insegna del relax

37% sceglie vacanze all'insegna della scoperta

75% soggiornerà in una località al mare



 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%