logo san paolo
mercoledì 26 settembre 2018
 
Costretti allo sport
 

«Spinto al basket da papà, lui ci va come al patibolo...»

02/07/2018 

Mio figlio ha dodici anni, è un tipo tranquillo, delicato, di poche parole, e di pochi amici. Suo padre si è sognato di iscriverlo al basket perché dice che deve “svegliarsi”, tirar fuori un po’ di grinta, altrimenti non ce la farà mai a cavarsela nella vita. Lui ci va come un condannato… ma come posso fare a fargliela capire a suo padre che non si deve forzarlo?

ROSANNA

Cara Rosanna, l’inizio della tua lettera addolorata è già tutto un programma: “Mio figlio”! Ma, come di solito diciamo a mamme che hanno ancora il figlio in pancia, non ti pare che “tuo figlio” abbia ereditato anche i ventitré cromosomi di suo padre, oltre che i tuoi sacrosanti ventitré? Il figlio non è né tuo, né suo: è vostro! Pensa che in un nostro libro, ormai alla nona edizione (Ben-essere in famiglia), già vent’anni fa, riportavamo il caso vero di un certo Michelino di sei anni, la cui madre voleva portarlo a nuoto, mentre il padre diceva che era troppo piccolo e mingherlino e non ce l’avrebbe fatta. Che cosa farà Michelino? Non potrà decidere perché a sei anni (e figuriamoci a dodici) sa che se vuole andare a nuoto è del partito della mamma e se non vuole andarci è del partito del papà. Michelino lo sa così nel profondo che non conoscerà il nuoto in sé, ma la divisione che questo provoca! Il vostro dodicenne, ci par di capire, va a basket “come un condannato” per… farti contenta, teme (come te) un papà che vuole lanciarlo, che gli chiede un po’ di grinta, perché lo sente ostile… pare proprio iscritto al tuo partito! Ma perché non apprezzi che tuo marito si impegni per vostro figlio? Dici che tuo marito s’è svegliato solo adesso, ma che intanto, ora, vuole fare il papà. Perché non lo ringrazi sinceramente? Perché non approvi il suo interessamento? Dopo, provate a sedervi attorno a un tavolo, figlio compreso. Tu potresti esordire: «Noi genitori siamo interessati a te, desideriamo che tu scelga qualche attività oltre la scuola… hai qualche idea? Qualche proposta? Il basket ti potrebbe andare bene?». Quando vi sente uniti e aperti, il dodicenne può parlare, e magari vincere un po’ di pigrizia e rinunciare un poco a coccole e protezioni tue. Tante volte pensiamo: «Meno male che il buon Dio ha dato due genitori a ciascun figlio» perché ognuno faccia la sua parte…

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo