logo san paolo
giovedì 24 settembre 2020
 
Se questo è sport
 

Su Anna Frank si gioca la dignità degli uomini del calcio

24/10/2017  Un gruppo di ultrà della Lazio distribuisce fotomontaggi con Anna Frank in maglia giallorossa. Ecco perché le prese di distanza formali non bastano più.

Dov’è la fine di questa deriva? Dov’è il fondo del barile in cui si sta suicidando un tifo che per insultare un avversario sul campo scomoda le tragedie della storia e offende la memoria della bambina simbolo mondiale della Shoah e con essa la memoria dei sei milioni di morti uccisi dai nazisti?

Quand’è che i calciatori si decideranno ad alzare la testa oltreché la cresta per dire, una volta per tutte, davanti a questo scandalo che urta l’umanità e le coscienze: “Non in mio nome”.

È evidente che non basta più l’indignazione scontata del ministro dello sport. Non basta più la presa di distanza formale della società Lazio che stigmatizza il comportamento di “pochi sconsiderati”. Non basta più l’annuncio dell’inchiesta da parte della Procura federale che promette sanzioni ai colpevoli.  Né bastano i Daspo e le curve chiuse con sigilli neanche troppo abilmente aggirati. Serve qualcosa di più forte e di più spontaneo delle parole di circostanza, serve l’indignazione autentica degli uomini del calcio che dimostrino di saper prendere l’iniziativa a costo di rischiare qualcosa della propria immagine patinata in cambio di un sussulto di rabbia, di orgoglio e di responsabilità.

Serve che i calciatori, gli allenatori, i dirigenti e gli sponsor con loro trovino compatti il coraggio di inventarsi qualcosa di simbolicamente potente per dire forte e chiaro che un tifo siffatto li offende come persone ancor prima che come calciatori, che non ne vogliono più sapere. Non solo perché diversamente non se ne esce e la deriva non si ferma più. Ma perché ne va della dignità delle persone che vivono del calcio e nel calcio.

I vostri commenti
34
scrivi

Stai visualizzando  dei 34 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%