logo san paolo
giovedì 22 ottobre 2020
 
covid-19
 

Sulle discoteche il Governo balla sulle contraddizioni

18/08/2020  Ha ragione Linus: non andavano mai aperte, ora è tutto più complicato. E i giovani hanno poche colpe (di Alberto Pellai)

Sono assolutamente d’accordo con quanto ha affermato Linus, ribadendolo anche in un’intervista pubblicata oggi da Repubblica: quest’anno le discoteche non si sarebbero dovute aprire. I ragazzi sanno farsene una ragione: sarebbe bastato dire loro in modo chiaro che quest’estate il codice del divertimento imponeva restrizioni e regole differenti da quelle degli anni scorsi. Hanno saputo adattarsi a ben altre restrizioni. Nel momento in cui una discoteca viene aperta, è impossibile immaginare che siano loro – i ragazzi - a distanziarsi in un luogo che per definizione impone vicinanza e contatto. Sarebbe come invitare cento diabetici a un buffet di soli dolci e dire loro che purtroppo dovranno stare a guardare, senza mangiare. Molto meglio invitarli a un pranzo dove il menù è costruito sulla base delle loro esigenze.

Non si può immaginare che siano i giovanissimi a darsi le regole. I giovanissimi le regole le possono rispettare, se gli adulti hanno chiaro in mente di quali regole vogliono essere propositori. In quest’estate così complessa c’è un continuo oscillare tra concetti e principi contraddittori. Andate tutti in vacanza, ma non state vicini. Andate tutti in discoteca, ma ballate distanziati. E’ la solita politica del capra e cavoli, già vista per altri contesti. Non giocate d’azzardo… e intanto lo si rende la più redditizia azienda del Paese. Non fumate tabacco e intanto ci guadagno i soldi del monopolio. Non vendete alcol ai minorenni e intanto rendo l’alcol accessibile in ogni luogo da loro frequentato.

No, non si può dire ai ragazzi: fate guadagnare chi gestisce il business delle discoteche però poi voi state seduti al tavolo. Non si può proprio dire. Preoccupiamoci delle scuole. I nostri figli, se potessero parlare a voce alta, sarebbero i primi a confermarci che una cosa per loro è certa: non fateci più vivere un anno di didattica a distanza. Più scuola e meno discoteche: la maggioranza la pensa così. Statene certi.

 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 0,00 - 14%