logo san paolo
martedì 18 dicembre 2018
 
Stanziati 10 milioni di euro
 

Nelle zone a rischio medie e superiori aperte in estate

20/05/2016  Al via la sperimentazione di un progetto del Miur che prevede di tenere medie e superiori aperte d'estate per proporre corsi di sport, musica e teatro ai ragazzi nelle zone disagiate di Milano, Roma, Napoli e Palermo. La partecipazione non sarà obbligatoria e i ragazzi, non andranno a scuola per studiare. Un modo per toglierli dalla strada.

Si chiama “Scuola al centro” ed è un progetto lanciato dal Miur che prevede un investimento da 10 milioni di euro e fa seguito a uno dei punti della riforma di Renzi della scuola, quello in cui si parla di far diventare gli istituti luogo dove formarsi ma non solo durante le ore curricolari. Nel testo si parla infatti di apertura delle scuole (intese come edifici pubblici) nel periodo estivo per promuovere attività educative, ricreative, culturali, sportive e artistiche.

Per evitare che i ragazzi che restano a casa e finiscono per passare le giornate per strada
e in particolare pensando ai quartieri più disagiati di Milano, Roma, Napoli e Palermo si pensa di coinvolgere scuole medie e scuole superiori.
Il Ministro Giannini  ha firmato un decreto che stanzia 10 milioni di euro immediatamente per iniziative che rendano la scuola un polo di aggregazione e attrazione in aree periferiche e in contesti a maggior rischio di dispersione di quattro città: Napoli, Roma, Palermo, Milano. Nei giorni scorsi aveva spiegato al Messaggero che, per esempio, solo per Napoli dove si contano 541 istituti, di cui 275 in zone considerate a rischio, verrebbero stanziati 4 milioni e 100 mila euro.

E' «un progetto importante che va incontro alle esigenze sul territorio», soprattutto «nelle aree più difficili», perchè «dare un'alternativa alla strada nei mesi in cui la scuola non accoglie bambini e ragazzi è una cosa straordinariamente importante e bella» ha ribadito oggi il ministro dell'Istruzione. Ha quindi precisato che «non sarà un'iniziativa spot, ma un percorso che dura per anni e per il quale sono stati stanziati 120-140 milioni. È difficile fare polemica su questo».

A settembre, attraverso un ulteriore finanziamento, si allargherà la copertura a tutto il territorio nazionale. Le attività potranno essere svolte in collaborazione fra istituti scolastici, con enti locali, università, associazioni, cooperative. I fondi saranno utilizzati per pagare le attività, i materiali e il personale.

Si era parlato di scuole aperte anche in seguito all’inchiesta della morte della piccola Fortuna, violentata e uccisa all’interno del condominio degli orrori al Parco Verde di Caivano il 24 giugno del 2014. Era emersa una realtà di infanzia abbandonata e ci si era interrogati proprio sulla possibilità di proteggerla attraverso l’apertura delle scuole elementari durante le vacanze.

Nel progetto del Miur si estende tale possibilità anche agli altri ordini di scuole. La partecipazione non sarà obbligatoria e i ragazzi, non andranno a scuola per studiare: il ministero pensa a sport, musica,  teatro e vari laboratori artistici, insomma, «tutto quello che potrebbe interessare i ragazzi, farli divertire e toglierli dalla strada». Sulle risorse, «potranno essere utilizzati i fondi europei destinati alla dispersione scolastica», ha dichiarato Giannini. Quanto alla possibilità di aprire le scuole anche la domenica ha aggiunto che se il progetto che verrà sperimentato quest'estate andrà bene, si potrebbe pensare una volta avviata la rete anche alle giornate festive.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo