logo san paolo
lunedì 30 marzo 2020
 
 
Credere

Un confessore burbero, ma ricco di misericordia

27/01/2016  «Non ho un cuore di sasso, l’ho fatto per il suo bene», diceva padre Pio. Le testimonianze di chi si è confessato con il santo di Pietrelcina sono raccolte nel libro La misericordia in padre Pio di Stefano Campanella, di cui pubblichiamo un’anticipazione

Tanti hanno testimoniato che «nel ministero del confessionale padre Pio mirava solo alla salvezza delle anime»: infatti «concepiva la sua opera di confessore come un aiuto a far rinascere le persone, a farle diventare nuove. È nel confessionale che egli è stato un educatore, secondo il significato etimologico di questo termine, che si riferisce proprio alla capacità di far emergere in una persona la sua vera realtà, al di là di ogni ostacolo e di ogni limite. E la sua durezza era manifestazione della consapevolezza, da parte sua, di quanto fosse delicato questo compito!». [...] Padre Pio non voleva «umiliare il peccatore, facendogli sentire il peso delle proprie miserie», ma «fargli acquisire la responsabilità di fronte ad una salvezza che gli veniva offerta».
«La sua missione è stata autenticamente e profondamente pedagogica» e aveva l’obiettivo di far «comprendere che dopo la confessione si appartiene ad una vita nuova, nella quale era necessario vivere e operare secondo un progetto che ci vedeva belli, santi, così come Dio ci aveva pensati». Ecco perché, accanto a quelli che ricordano il padre Pio “burbero”, esistono anche tanti che hanno fatto l’esperienza di un papà affettuoso, comprensivo e misericordioso. Sono coloro che si sono inginocchiati davanti a lui realmente pentiti e con il fermo proposito di abbandonare la via del peccato.

Significativo, a tal proposito, è un episodio di cui è stato indiretto protagonista il professor Francesco Lotti, ex primario di Pediatria di Casa Sollievo della Sofferenza, narrato più volte dallo stesso medico: «Un giorno io ero in attesa di confessarmi. Si avvicina un personaggio di qui. Era molto agitato e mi disse: “Senta, lei mi conosce?”. “Sì, certo la conosco”. “Sa, io vorrei che lei mi facesse una cortesia...”. “ Se posso. Mi dica”. “Lei dovrebbe dire a padre Pio se posso andarmi a confessare da lui, che non mi tratti male”. “Mah, non capisco. Non è che padre Pio tratta male...”. “No, sa... purtroppo ho avuto una relazione extraconiugale con una ragazza e adesso pare che questa aspetti un bambino. E io, quindi, nella mia posizione... se scoppia questo scandalo...”. Oggi queste cose non fanno più molta impressione. Allora erano cose certamente molto rilevanti. Mi dice: “Io voglio andare a confessarmi da lui, ma non ho il coraggio, se mi fa una parte davanti a tutti... lei capisce... nella mia posizione...”. “Mah”, dico, “non lo so... Vedrò se riesco a dire qualcosa a padre Pio... Vediamo”. Finita la mia confessione dico: “Padre, lo vede...”. “E come, non lo vedo!”. “Eh, quello, sa... quello così, così, così... è successo...”. Padre Pio mi guardò e disse: “Ma tu ti sei scandalizzato?”. “Be’ un pochino sì”, ho detto, “per la persona... frequenta il convento da tanti anni, sta sempre vicino a lei, un pochino mi sono scandalizzato”. E lui mi disse: “Vedi, se il Signore leva per un solo momento la sua mano dalla testa mia e dalla tua, noi faremmo molto peggio. Digli che venga qua e non lo tratterò male davanti a tutti”. E così fu, naturalmente». [...]

Il metodo cambiava a seconda delle necessità, ma i sentimenti di quel confessore erano sempre gli stessi: orrore per il peccato e amore per il peccatore. Lo dimostra la testimonianza di una donna: «M’inginocchiai dinanzi a padre Pio col cuore in gola. Ero confusa, non capivo nulla. Ma le ultime parole recise e dure, con cui mi scacciò dal confessionale, le capii benissimo. Fu una mazzata benefica che non potrò mai dimenticare. Più tardi, un giovane andò da padre Pio a intercedere per me. Ed egli rispose: “Cosa credi? Che io abbia un cuore di sasso? L’ho fatto per il suo bene. Parta, e la mia benedizione l’accompagnerà sempre”».
L’ultima attestazione è di un penitente del cappuccino la cui parola ha assunto ulteriore autorevolezza anche in funzione del ruolo a cui lo Spirito Santo lo ha chiamato. Si tratta di san Giovanni Paolo II, che ha scritto: «Durante la confessione padre Pio si è dimostrato come confessore che aveva un semplice e chiaro discernimento e che trattava il penitente con un grande amore».

Libro e dvd: Il Santo e la Missricirdia

Arriva in libreria La misericordia in padre Pio (San Paolo, in coedizione con le Edizioni padre Pio da Pietrelcina), a firma di Stefano Campanella con la prefazione di monsignor Rino Fisichella: raccoglie le testimonianze di chi ha conosciuto in prima persona padre Pio e ha avuto modo di sperimentare il suo operato come confessore e i suoi gesti concreti nell’operare la misericordia.
La prossima settimana con Credere il volume La misericordia in padre Pio e il dvd Padre Pio. Costruttore di misericordia a 12,90 euro.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%