logo san paolo
martedì 25 settembre 2018
 
No vax
 

Una foto sui social pro vaccini.. e lo coprono di insulti

06/07/2018  E' successo alla stella del nostro volley Ivan Zaytsev. Al suo post dopo la vaccinazione della figlia rispondono con insulti i no vax

Ha avuto l'effetto di un detonatore il post della star del volley Ivan Zaytsev, scatenando l'ira di chi di vaccini non vuol nemmeno sentir parlare. Protagonista, di certo non per sua volontà il  29enne schiacciatore del Modena Volley e della Nazionale italiana, recente acquisto di mercato della squadra gialloblù, che per appeal (ma anche capacità tecniche) andrà a sostituire Earvin Ngapeth. Sul profilo Facebook dell'atleta è infatti comparso un post nel quale Zaytsev stesso dava notizia di aver vaccinato la figlia piccola. Un evento come tanti, che il pallavolista ha deciso di condividere con queste parole: «E anche il meningococco è fatto, bravissima la mia ragazza». A corredo una fotografia che lo ritrae insieme alla bambina (il post è tuttora sul profilo del giocatore). Tanto è bastato per far arrivare decine di messaggi offensivi nei confronti del 29enne, accusato di essere pro vaccini. Insulti oltre il limite della minaccia e che lo stesso pallavolista ha poi rimosso, in parte.

Zaytsev inizialmente aveva anche risposto ad uno di questi commenti: «Io oltre a giocare sono un padre che decide per i suoi figli e un essere umano libero di esprimermi», le sue parole. Non sono mancati, ovviamente, anche interventi di sostegno nei confronti del pallavolista, tra cui quello del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Alcuni degli insulti social piovuti addosso al 29enne sono stati ripresi dalla moglie Ashling, sul suo profilo personale, accompagnati dalla frase: «Eppure il cuore è uguale in tutti gli esseri umani».

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo