logo san paolo
venerdì 03 aprile 2020
 
 

Vento: "Ecco quel che non piace più dell'Europa"

24/04/2014  Prima imputata: la gestione della crisi economica. Sotto accusa anche l'euro ma abbandonarlo mette paura.

Una manifestazione di protesta contro l'Europa in Polonia (Reuters).
Una manifestazione di protesta contro l'Europa in Polonia (Reuters).

La sensazione è ormai diffusa: tira una brutta aria per l’Europa. Il che, a poche settimane dal voto per l’Europarlamento, non invita certo all’ottimismo. “E’ decisamente in crisi lo storico sentimento europeista degli italiani, non v’è dubbio”, conferma Pietro Vento, direttore dell’Istituto Demopolis: “secondo i dati del nostro Barometro Politico, la fiducia nelle istituzioni comunitarie, che nel 2000 si attestava al 53%, si è ridotta di 18 punti negli ultimi 4 anni, passando dal 48% del 2010 al 30% odierno”.


Quali sono le cause principali di questa disaffezione?

“Molto incide la convinzione, oggi maggioritaria nell’opinione pubblica, che le politiche di austerity decise dall’Unione Europea stiano tutelando mercati, banche, poteri economici ed equilibri finanziari ben di più degli stessi cittadini: la pensa così il 52% degli italiani. Ma è una percezione che appare ampiamente diffusa anche in diversi altri Paesi del Vecchio Continente". 

Un disaffezione che può mettere in crisi anche l’adesione al sistema dell’Euro?

consenso ai partiti prima delle europee

“L’opinione pubblica tira un bilancio non positivo di oltre 12 anni di moneta unica soprattutto per le modalità con le quali essa è stata gestita. L’Euro non piace ma i due terzi degli italiani temono che uscirne oggi sarebbe molto rischioso e che fuori dalla moneta unica andrebbe peggio, in quanto il nostro Paese sarebbe troppo debole ed instabile per competere da solo sui mercati mondiali. Oggi solo un intervistato su tre vorrebbe uscire dall’Euro: ma si tratta di una quota crescente e più che raddoppiata negli ultimi 4 anni. Secondo i dati di Demopolis, gli italiani favorevoli ad un ritorno alla lira erano il 15% nel 2010, il 21% nel 2012, il 34% oggi. In più, se nel caso francese e in diversi Stati della Ue è spesso un singolo partito a catalizzare la battaglia contro l’Europa, in Italia il sentimento anti-Euro, sia pur minoritario, attraversa gli elettorati di quasi tutti i partiti”.

consenso ai partiti prima delle europeeconsenso ai partiti prima delle europee

Nota informativa - L’indagine è stata condotta dal 19 al 22 aprile 2014 dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, su un campione di 1.140 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età ed area geografica di residenza. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione demoscopica con metodologia cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti su: www.demopolis.it

Multimedia
Astensionismo: 20 milioni di italiani a casa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%