logo san paolo
venerdì 21 settembre 2018
 
Stasera in Tv
 

Viaggio tra i misteri del cervello

08/06/2018  Parte sabato 9 giugno su Tv2000 "Dapprincipio", un programma scientifico divulgativo in nove puntate. Come è fatto il cervello, quando si forma e come si sviluppa, che mutazioni subisce?

Debutta in prima serata su Tv2000 da sabato 9 giugno Dapprincipio,  un programma che con la presenza di ospiti autorevoli affronta il mondo complesso e in parte ancora misterioso del cervello, delle sue funzioni, del legame che già nel grembo materno di instaura tra il feto e la madre anche a livello neurologico. Ideato a Moncia Mondo, è pensato nei contenuti dal prof. Carlo Bellieni, insigne neonatologo, membro del Comitato nazionale di Bioetica, Scienza e Vita, della Pontificia Accademia Non solo perché il cervello è uno scrigno sconosciuto in gran parte. Non solo perché l’Intelligenza Artificiale ci inquieta e ci spinge ad approfondire le potenzialità della nostra mente. È proprio il “dapprincipio” che ci stupisce ed emoziona: come e quanto il bambino sente nel ventre di sua madre, la frenesia delle sue connessioni cerebrali, e il rapporto inscindibile con la madre, che determina questa formazione; così come cambia, in questo rapporto, il cervello della madre: fisiologicamente, in modo visibile e sperimentabile scientificamente. Dunque, Dapprincipio ci porta al cuore di temi etici sensibilissimi, senza prediche o battaglie ideologiche, ma mostrando, ragionando, evidenziando la bellezza di quel che per natura avviene nella generazione dell’uomo.
Questi i temi delle nove puntate. Tra gli ospiti Prof Paolo Maria Rossini, uno dei più grandi neuro scienziati di fama internazionale, Prof. Federico Vigevano, direttore del dipartimento di Neuroscienze e neuro riabilitazione dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù, Prof. Daniele Novara, pedagogista e fondatore del CPP - Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti, Prof. Federico Tonioni, psichiatra e psicoterapeuta, ricercatore dell’Istituto di Psichiatria e Psicologia nella Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

1.    IL CERVELLO Che cosa è il cervello, come il cervello interpreta la realtà. I colori esistono davvero? Quali i segreti per una buona memoria?

2.    PRIMA DI NASCERE: Il cervello sappiamo che come ogni nostro organo si forma un po’ alla volta durante la vita prenatale. Questa formazione continua genera la persona che saremo, con la nostra personalità, perfino i nostri gusti. La nostra vita prima della nascita condiziona la vita futura. La memoria fetale interviene anche sul piano psicologico permettendo, per esempio, il riconoscimento da parte del bambino della mamma. 

3.    LA MATERNITA’: Il cervello secerne sostanze che fanno attaccare affettivamente mamma e bebè. Ma di più, è la stessa struttura del cervello della donna che cambia in gravidanza, che assume una struttura diversa per affrontare questo evento sensazionale: la nascita.

4.    L’ADOLESCENZA: Capita a volte di sgridarli per i loro atteggiamenti un po' lunatici o per la propensione a lanciarsi in comportamenti rischiosi o lasciarsi trascinare dal gruppo. Ma la realtà dei fatti è che gli adolescenti attraversano una fase fondamentale della vita, anche dal punto di vista dello sviluppo cerebrale. All'origine di comportamenti sociali bizzarri o apparentemente inadeguati dimostrati a questa età ci sono precise basi neurologiche. Alcune regioni, come la corteccia prefrontale, responsabile dell'inibizione di atteggiamenti inappropriati, devono ancora svilupparsi completamente; altre, come il sistema limbico, centro delle sensazioni di piacere o ricompensa, sono invece particolarmente sensibili ed eccitabili.

5.    LO STRESS: C’è un minuscolo punto del nostro cervello in cui l’ansia o la serenità possono albergare e da lì irradiarsi per tutto il corpo. Si chiama amigdala, ed è il centro da cui in una frazione di secondo parte l’input per la sensazione di felicità o infelicità. 

6.    MASCHI E FEMMINE: Il cervello non è uguale per tutti. Da tempo la "medicina di genere" sostiene che la donna non è una semplice "variante" del maschio. 
7.    C’è una prima e chiara differenza tra il cervello maschile e quello femminile. Il peso. E questo non significa affatto una differenza di intelligenza o abilità. Il cervello femminile e maschile hanno connessioni diverse tra le parti. 

8.    LE DROGHE: Non solo gli effetti delle classiche droghe sul nostro cervello, ma anche le dipendenze da Internet, smartphone e giochi on line. 

9.    LE ALTRE INTELLIGENZE: Il cervello degli esseri umani è uno strumento in grado di produrre idee, musica, ma anche azioni meccaniche più o meno complesse. Ma anche gli animali e addirittura le piante comunicano tra loro, si muovono secondo la loro convenienza, come avessero una qualche intelligenza. Per non parlare dei robot, capaci di parlare, e calcolare molto meglio di una persona. Allora qual è la specificità di un umano, della sua mente? Forse qui, è l’unico che sa intuire che il suo mondo non finisce dove finisce il suo sguardo. È l’unico che accetta il concetto di mistero

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo