logo san paolo
domenica 24 marzo 2019
 
dal libro allo schermo
 

Tutto su Mary Poppins e la sua "mamma"

20/12/2018  La magica tata è un personaggio ormai mitico. Torna con un nuovo kolossal a marchio Disney. E' frutto della fantasia di PL Travers una scrittrice nata in Australia che cedette a fatica i diritti per trarre un film dalle sue opere

Tom Hanks e Emma Thompson nel film "Saving Mr Banks" dove interpretano Walt Disney e Pamela Lyndon Travers
Tom Hanks e Emma Thompson nel film "Saving Mr Banks" dove interpretano Walt Disney e Pamela Lyndon Travers

Mary Poppins è vanitosa, si guarda spesso allo specchio, regala ai suoi bambini avventure magiche e divertenti, sale le scale scivolando all'insù sul corrimano e dalla sua valigia, che sembra vuota e leggera, escono numerosi oggetti  alcuni di enormi dimensioni. Ma è pronta a negare che tutte queste magie siano accadute quando i pargoli gliele ricordano. Perché lei si prende molto sul serio e non ama perdere tempo in sciocchezze. Severa ma dolce, a volte un po’ brusca, è dotata di grande buon senso ma da giudizi lapidari dispensando consigli a grandi e piccini. Quando ha finito quel che deve fare se ne va, senza preavviso, con il cambiare del vento così come è arrivata. Appesa al suo bellissimo ombrello col manico a forma di coccodrillo. Ma lascia dietro di sé una famiglia unita e serena.

È il ritratto di Mary Popins la famosa bambinaia frutto della fantasia della scrittrice australiana naturalizzata inglese Pamela Lyndon Travers (1899-1996), autrice di ben 8 volumi, scritti tra il 1934 e il 1988, ai quali sono ispirati i due film della Disney. Quello del 1964 e quello del 2018. Il primo consacrò la bravissima Julie Andrews che per l'interpretazione della magica nanny vinse un Oscar (in totale il film ne ebbe 5). Il 20 dicembre del 2018 è arrivato nelle sale Il ritorno di Mary Poppins il sequel con Emily Blunt come protagonista. In piena depressione torna dai piccoli Banks divenuti adulti per aiutarli nuovamente a uscire da una grave crisi.  

Ma c'è un altro bellissimo film a lei dedicato. Si tratta di Saving Mr Banks del 2013 che racconta come Walt Disney convinse la austera e scontrosa scrittrice P.L. Travers, nata a Maryborough in Australia nel 1899 e morta a Londra nel 1996, a cedere i diritti per realizzare il musical. Non fu facile. Vedere la sua opera (8 volumi ma non tutti ebbero lo stesso successo di vendita) trasformati nel musical che tutti conosciamo con canzoni e balli accompagnati da cartoni animati, le parve un affronto.

Solo la pazienza di Disney e il personale desiderio di realizzare il sogno di dare un volto cinematografico al personaggio di Mary Poppins, che tanto aveva affascinato le sue figlie nelle letture serali, riuscirono a portarlo a vincere la ritrosia della Travers che aveva un carattere difficile a causa di un'infanzia traumatica. Ebbe, divenuta adulta, anche una breve carriera di attrice teatrale itinerante in Australia e poi, giunta a Londra, oltre a dedicarsi a tempo pieno alla scrittura, studiò la filosofia Zen, il Buddhismo e le tradizioni degli indiani d'America. Nel 1939 adottò Camillus un ragazzino irlandese e nel 1977 ricevette l'Ordine dell'Impero Britannico.       

Multimedia
Il ritorno Mary Poppins da oggi al cinema
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo