logo san paolo
martedì 31 marzo 2020
 
 

Voci dal Pakistan in fuga

06/06/2012  Grazie al contributo del Cesvi siamo riusciti a ottenere le testimonianze di alcune delle famiglie sopravvissute ai bombardamenti che hanno trovato rifugio nel campo di Jalozai

Pari ha 58 anni, anche se ne dimostra molti di più. È vedova ed è nata e cresciuta nel Distretto di Bara (Khyber Agency), nelle Fata (Federal Adminisistrated Tribal Areas), in territorio pakistano al confine con l’Afghanistan. A causa delle operazioni militari che il Governo sta mettendo in atto per combattere le milizie dei talebani ha dovuto fuggire e abbandonare il suo villaggio per rifugiarsi in un’area rurale di Peshawar. «La mia vita era normale prima di essere costretta a scappare. Avevamo un piccolo negozio che vendeva poche cose ma era sufficiente a mantenere tutta la famiglia. Eravamo felici. Poi, tre anni fa, quando le milizie extragovernative sono entrate e hanno preso il potere, tutto è cambiato. Le condizioni di vita sono peggiorate improvvisamente e mio marito è morto a causa di una malattia. Mio figlio è stato catturato e brutalmente ucciso dai miliziani. Oltre a loro abbiamo perso anche quel poco che avevamo per vivere», racconta la donna. Ora Pari vive con la figlia, le nipotine e il genero in una misera stanza in affitto. Le condizioni igieniche sono pessime. A dare loro un minimo conforto solo le poche cose raccolto negli istanti prima di scappare.


«Quella di Pari e’ solo una delle migliaia di storie, tutte molto simili, dei rifugiati in fuga dai bombardamenti che il governo sta operando nelle Fata per mettere fine al conflitto», spiega Piero Fiore, rappresentante del Cesvi in Pakistan. Stando agli ultimi dati divulgati dall’Alto Commissariato della Nazioni Unite per i Rifugiati Unhcr sarebbero oltre 52.000 le famiglie profughe da ottobre, mese in cui sono iniziate le operazioni. Nei prossimi mesi si prevede che diventeranno oltre 65.000, mezzo milione di persone di cui almeno un terzo bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni. I nostri ragazzi non possono andare a scuola e con quello che guadagna mio genero, lavorando a giornata, riusciamo a malapena a pagare l’affitto di casa, circa 50 euro al mese. Speriamo che la nostra vita possa ricominciare presto. Quello che nessuno ci restituirà mai è l’affetto dei nostri cari», prosegue sempre Pari.

All’interno del Jalozai Camp vive da tre mesi anche Amina Bibi. Ha abbandonato  la sua casa a causa delle operazioni militari in corso nella Khyber Agency e si occupa da sola delle figlie, poiché il marito, dopo essersi avvicinato alla droga, non è più in grado di lavorare. «È lei a dover sostenere la famiglia. Riceve assistenza dalle organizzazioni umanitarie ma non le basta. Cerca di ottenere lavori occasionali fuori dal campo ma, essendo donna, ha diversi problemi a spostarsi all’esterno», aggiunge Fiore. La presenza massiccia di rifugiati nella zona, oltre alla mancanza di cibo e lavoro, sta creando anche gravi problemi di stabilità e di ordine pubblico. Una problematica che sta assumendo proporzioni preoccupanti in un contesto dove la criminalità era, fino a qualche tempo fa, un fenomeno molto limitato. Queste le parole di Aine Faine, coordinatrice del Pakistan Humanitarian Forum che riunisce 47 organizzazioni umanitarie operanti in Pakistan e di cui Cesvi è membro dal 2009: «Le stime condotte al di fuori dal campo profughi nei Distretti di Nowsheera, Peshawar e Khoat rivelano dati allarmanti. Oltre la metà delle famiglie rifugiate non riesce a registrarsi e questo le esclude dalla possibilità di ricevere aiuti di ogni genere». Le organizzazioni del Pakistan Humanitarian si augurano che questa situazione venga resa pubblica anche in Occidente. Una risposta umanitaria consentirà di assicurare almeno i bisogni più urgenti di queste persone.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%