logo san paolo
martedì 26 gennaio 2021
 
Votantonio Aggiornamenti rss Francesco Anfossi - Votantonio

Napolitano, Renzi e il patto Gentiloni sulla Farnesina

  Il modo con cui si è arrivato alla nomina di Paolo Gentiloni, in sostituzione di Lady Pesc Mogherini, dice molto sul profilo del Governo Renzi, nato dal successo politico dell’ex sindaco di Firenze, avallato e consacrato da “re Giorgio”. Com’è noto la nomina è stata preceduta da un breve stallo. Renzi premeva per una candidatura tipicamente “renziana”: donna per mantenere la par condicio di genere, giovane, preparata, anzi "secchiona", ma non necessariamente dotata di esperienza sul campo. E’ la figura che predilige, soprattutto in funzione di quel “marketing” politico post-berlusconiano che ha segnato il suo stile innovatore e gli ha permesso di interpretare un certo tipo di elettorato desideroso di cambiamento. L'ex rottamatore voleva Marina Sereni, vicepresidente del Pd alla Camera, oppure la ricercatrice dell'Ispi Lia Quartapelle (32 anni) o in subordine Elisabetta Belloni, direttore generale del dipartimento Fondazione risorse e innovazione della Farnesina. Della promozione naturale del viceministro Lapo Pistelli, forse un po' troppo abile e autonomo, quindi tale da fargli ombra, nemmeno a parlarne.

Dal canto suo Napolitano, che nomina i ministri, come impone l'articolo 92 della Costituzione, su proposta del presidente del Consiglio, avrebbe voluto un personaggio più autorevole, ricco di esperienza, collaudato (come ha preteso per il ministero dell'Economia). Non che quelli nominati precedentemente abbiano particolarmente brillato. E infatti la diplomazia italiana non è mai stata così debole agli occhi del Paese e del mondo: il caso più emblematico è quello dei due marò, l’ombra permanente che pesa sulla Farnesina e che nemmeno “pié veloce” Renzi riesce a sbloccare. I dossier sul tavolo del prossimo ministro degli Esteri non mancano: Ucraina, Medio Oriente, Libia, Immigrazione, rapporti con Russia e Stati Uniti. L’epoca della globalizzazione ha rimesso l’Italia e le sue feluche al centro del grande gioco geopolitico mediterraneo. Non sembra, fino ad oggi, che la Farnesina ne abbia manifestato particolare consapevolezza.

Paolo Gentiloni, uno dei tanti esponenti della vecchia nomenclatura del Pd saliti sul "cargo" del vincitore, vanta quarti di nobiltà (gli spettano i titoli di Nobile di Filottrano, Nobile di Cingoli e Nobile di Macerata) ed è omonimo del conte Ottorino Gentiloni, legato al famoso patto che segna l'entrata, nel 1913, dei cattolici nel governo Giolitti. Anche in questo caso si tratta di un "patto" tra Renzi e Napolitano. Con Gentiloni, uno dei volti più autorevoli del Centrosinistra, l'ex rottamatore ha dovuto infatti venire a patti con re Giorgio, anche se si tratta di una scelta politica legata al Pd e non di una figura istituzionale o tecnica. Non ci resta che assistere a come questo ex ministro, già portavoce dell'allora radicale Rutelli, esperto soprattutto in comunicazioni e digiuno totalmente di politica estera affronterà la nuova sfida.


31 ottobre 2014

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%