logo san paolo
giovedì 14 novembre 2019
 

Ius soli, tu quoque Alfano?

Chi l’avrebbe detto che a mettere la pietra tombale sullo “ius soli” per questa legislatura sarebbero stati Angelino Alfano e Maurizio Lupi. Eppure i centristi di Alternativa popolare, già berlusconiani moderati, cattolici dichiarati, si richiamano spesso alle loro radici cristiane. Lupi, neo coordinatore di Ap, ha dichiarato che “la questione è chiusa”. L’attuale ministro degli Esteri ha spiegato la posizione del suo partito affermando che “una cosa giusta fatta al momento sbagliato è una cosa sbagliata”. Inoltre può diventare “un regalo alla Lega”. 

Dunque non è una questione di merito. E come potrebbe esserlo? In passato Lupi e Alfano avevano dichiarato a più riprese che avrebbero votato a favore dello ius soli, pur presentando dei correttivi (come il 20 giugno scorso).

Il problema è la tempistica, poiché l’aria che tira in Italia è fatta di posizioni ostili nei confronti degli extracomunitari, anche se sono minori, sono “nati, cresciuti e vissuti” in Italia, frequentano le stesse scuole degli italiani, giocano, vivono, scherzano, parlano la stessa lingua, hanno amici italiani, insomma sono italiani in tutto e per tutto, a parte forse il colore della pelle. Non ha importanza nemmeno la netta posizione del Papa e dei vescovi italiani, con i quali Alternativa popolare e prima il Nuovo Centrodestra dichiarava di avere un rapporto privilegiato. Niente da fare: prima dei valori contano le opportunità politiche, la ricerca del consenso.

Se è vero che la vicenda conferma l’assoluta laicità e indipendenza dei partiti, anche dei più apertamente cattolici, nei confronti delle gerarchie ecclesiastiche, desta certamente rammarico la mancanza di coraggio da parte di una politica più attenta ai tatticismi e alla ricerca del consenso che ai contenuti e ai valori. Don Sturzo parlava di perseguire con coraggio il bene comune. Ma don Sturzo va bene quando se ne sta fermo nell’album di famiglia. Seguirne l’esempio a quanto pare è un altro paio di maniche.

 

 

 


27 settembre 2017

I vostri commenti
15
scrivi

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%