logo san paolo
sabato 22 settembre 2018
 

«Le benedizioni via internet e whatsapp sono affidabili?»

Ricevo dei video con benedizioni fatte con reliquie di santi e mi chiedo se hanno valore e se è un bene inoltrare a tappeto utilizzando internet o whatsapp. Ho sempre ritenuto le benedizioni una cosa legata al momento, ma soprattutto valida se fatta in presenza del sacerdote. Cosa ne pensate?

PAOLA

La benedizione è valida anche a distanza, nel tempo e nello spazio, come avviene per quelle del Papa mandate tramite lettera o pergamena. Le benedizioni possono essere impartite da vescovi, preti e diaconi, ma anche da alcuni laici con un particolare incarico. I genitori, per esempio, possono benedire i propri figli.

Tuttavia non bisogna intendere le benedizioni in senso magico, come potrebbe apparire dagli esempi che citi, cara Paola. Si deve anche stare attenti a non innescare una sorta di catena di sant’Antonio. In realtà, come leggiamo nelle premesse del Benedizionale, la Chiesa, istituendo svariate forme di benedizione, «chiama gli uomini a lodare Dio, li invita a chiedere la sua protezione, li esorta a meritare, con la santità della vita, la sua misericordia, e innalza preghiere per ottenere i benefici divini, in modo che le sue invocazioni ottengano l’effetto sperato».

Le benedizioni sono perciò «segni sensibili, per mezzo dei quali viene significata, nel modo a essi proprio, e realizzata quella santificazione degli uomini in Cristo e quella glorificazione di Dio, che costituisce il fine cui tendono tutte le altre attività della Chiesa».


03 maggio 2018

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo