logo san paolo
mercoledì 14 novembre 2018
 

«Parrocchiani leghisti? E io non vado più a Messa»

Rev.do direttore, ho deciso, dopo una vita intera, di non assistere più a una santa Messa in chiesa perché non riesco a partecipare trovandomi in mezzo a tante persone che si confessano e si comunicano, sentono ma non ascoltano la voce di Dio e subito fuori dalla casa di Dio agiscono tutt’altro che da cristiani e più che osservare le parole del Vangelo osservano quelle del capo leghista. Preferisco quindi ascoltare la Messa o per Tv o per radio, molto più serenamente.

MICHELE

Caro Michele, non condivido la tua scelta. Non solo perché la Messa domenicale è la festa dell’intera comunità cristiana riunita per ringraziare e lodare il Signore. Non ha senso, quindi, se non per motivi di impossibilità fisica, partecipare “a distanza”. Ma soprattutto perché nessuno di noi può ritenersi talmente santo da considerarsi migliore degli altri.

È come se tu ti ergessi a giudice dei tuoi fratelli cristiani. Mentre Gesù nel Vangelo ha detto: «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati» (Lc 6,37). Tutti abbiamo bisogno di conversione, di ascoltare e mettere in pratica la parola di Dio. Conviene sempre partecipare, dare testimonianza con la propria vita e pregare gli uni per gli altri perché questa conversione avvenga.


05 luglio 2018

I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo