logo san paolo
lunedì 19 novembre 2018
 
I consigli salute di BenEssere Aggiornamenti rss BenEssere / La salute con l'anima a cura di Giuseppe Altamore

Quelli che sono contro la medicina ufficiale e diffondono idee malsane

Viviamo in uno straordinario momento storico dove tutto sembra possibile, perfino l’autodistruzione. Abbiamo raggiunto negli ultimi 200 anni traguardi scientifici inimmaginabili fino alle soglie della rivoluzione industriale. Traguardi che sono tangibili soprattutto nel campo della medicina. Il controllo e addirittura la sconfitta delle grandi epidemie che falcidiavano periodicamente la popolazione con milioni di morti, è sotto gli occhi di tutti.

Nel giro di un secolo, solo in Italia abbiamo quasi raddoppiato la speranza di vita e i centenari aumentano di anno in anno. Merito della ricerca scientifica, degli antibiotici, delle vaccinazioni e in generale del miglioramento delle condizioni di vita. Basti pensare che fino alla metà degli anni ’50 la disponibilità di acqua potabile era ancora limitata e molti centri abitati non avevano un servizio idrico e le fognature. Ora di fronte agli innegabili progressi nel campo farmaceutico e dell’igiene si diffonde una nefasta concezione antagonista che individua nella medicina ufficiale un nemico da demonizzare. Complice un uso maldestro delle informazioni che circolano su Internet, si sviluppano “comunità” di persone che propugnano metodi alternativi per curare il tumore, le infezioni, come è successo recentemente al povero bambino deceduto per un’otite curata con l’omeopatia, fino ad arrivare al boicottaggio delle vaccinazioni o della chemioterapia. C’è un atteggiamento, non solo antiscientifico e non razionale, ma da tifo calcistico applicato a una cosa seria: la difesa della vita propria e altrui.


16 giugno 2017

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo