logo san paolo
lunedì 24 giugno 2019
 

Se internet è lo sfogatoio delle peggiori pulsioni

Caro don Antonio, ancora una volta leggiamo di quei “lupi” famelici che su Internet e sui social network distruggono la vita di tanti giovani. Elementi che vivono in branco, anche quando frequentano il mondo digitale. Sono soggetti di una cattiveria senza limiti, abituati a scherzi di pessimo gusto, che portano a una vera esaltazione della gogna mediatica, che mira a colpire quelli dei nostri ragazzi che si ritrovano a essere più soli, più fragili e indifesi. Sono, probabilmente, queste le ragioni che hanno spinto Andrea Natali di Borgo d’Ale, in provincia di Vercelli, a togliersi la vita, a soli ventisei anni. La famiglia distrutta dal dolore e dalla rabbia chiede giustizia, e la Procura ha aperto un fascicolo, senza indagati e senza ipotesi di reato, affidato al sostituto procuratore.

Un nuovo fascicolo si aggiunge a quelli aperti in tante altre simili occasioni. Storie che magari non sempre si sono concluse in modo drammatico con la morte, ma di sicuro hanno devastato molte giovani esistenze, cadute nelle grine di gente senza scrupoli, falsi amici, bulletti del computer. Andrea era diventato vittima di un cyberbullismo che lo perseguitava, continuato in un’escalation che l’aveva prima costretto a rinchiudersi in sé stesso e poi spinto in una profonda depressione. Da più di un anno usciva di casa solo se accompagnato. Pur avendo denunciato la “persecuzione”, e pur non essendo giovanissimo, non è tuttavia riuscito a vincere una profonda solitudine e il senso di abbandono da parte di tutti. Avevano approttato di lui: lo chiudevano nei bidoni dell’immondizia, gli inlavano sacchetti in testa. Poi lo umiliavano, no a togliergli la dignità, scattando foto che nivano in Rete. Così, quei “lupi” che circolano su Internet hanno colpito ancora una volta. 
UN LETTORE

L'avvento dei nuovi media, o meglio dei media digitali, e soprattutto l’uso che ne fanno i giovani, hanno profondamente cambiato il mondo della comunicazione. Non vanno assolutamente demonizzati, attribuendo loro chissà quali nefaste conseguenze. Sono straordinari strumenti che permettono di collegarsi e intessere relazioni con chiunque, a ogni latitudine della terra.
Ma va promossa anche una seria riflessione, a livello familiare e in ambito scolastico ed educativo, sull’uso che ne fanno i nostri ragazzi. Al di là dei rischi che essi corrono quando in rete si collegano con interlocutori sconosciuti, “falsi amici” o “cattivi maestri” che diffondono ideologie a base di odio e intolleranze varie, Internet è diventato lo “sfogatoio” delle peggiori pulsioni da parte di persone frustrate o violente. Ci si imbatte sovente in aggressioni, insulti, molestie, insolenze e volgarità, che hanno costretto tantissimi utenti a fuggire dai tweet e dai social network per salvaguardare la propria tranquillità e continuare a vivere sereni. A scatenare i peggiori istinti spesso è l’anonimato degli utenti, che non subisce alcuna sanzione. 

A suo tempo, aveva fatto scalpore la decisione di Enrico Mentana di abbandonare Twitter, dopo una serie di insulti, nonostante avesse un alto numero di seguaci, cioè di “follower” per usare il termine tecnico. «Twitter», scrisse, «rischia di essere schiacciato da una minoranza rumorosa, impegnata nella diffusione di una regressiva volgarità e nelle scorribande alla ricerca del bersaglio di turno da demolire, per mero s…zio. Non è vivibile una comunità in cui i sentimenti prevalenti sono quelli di ostilità. Nessuno o quasi di coloro che rendono irrespirabile tanta parte di Twitter ha un nome e un cognome. Il loro unico “coraggio” sta nella violenza delle parole, la loro viltà nello pseudonimo col quale fi…rmano le loro ribalderie».

L’uso disinvolto e irresponsabile che si fa della Rete, senza regole interiori ed esteriori, è una bomba a orologeria pronta a esplodere in qualsiasi momento. Un fenomeno da non trascurare, perché sta diventando inquietante dal punto di vista sociale, è l’esplosione del cyberbullismo. I cyberbulli prendono di mira la vittima di turno, pubblicando immagini, filmati e commenti che ne danneggiano pesantemente la reputazione. Se ne servono gli adulti per loschi affari, ma anche i ragazzi per “torturare” i loro coetanei, spingendoli spesso a gesti estremi, come purtroppo ci racconta la cronaca. Non è facile parlarne in famiglia, ma è un tema che non si può eludere, perché i genitori devono capire come i fi…gli usano i nuovi media. Non possono far …nta di nulla o sbrigarsela con una serie di proibizioni e restrizioni. L’educazione alla responsabilità è il miglior moderatore della Rete. E questa responsabilità la si impara assieme in famiglia e a scuola.


01 ottobre 2015

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%